Clinica Urologica Policlinico di Modena

Interventi sulla Prostata PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
giovedì 15 gennaio 2009

· TUR-P; Resezione endoscopica della prostata

· Adenomectomia prostatica

· Prostatectomia radicale retropubica

· Prostatectomia radicale transperineale

· Prostatectomia radicale Laparoscopica 

· Prostatectomia radicale con Robot

BIOPSIE PROSTATICHE STEREOTASSICHE ESEGUITE CON TECNICA FUSION 

 

Gli interventi alla prostata possono anch'essi essere eseguiti per via Tradizionale, Endoscopica o Laparoscopica a seconda del tipo d’intervento necessario.

TUR-P Resezione TransUretrale della Prostata: è un intervento che consiste nell’asportazione endoscopica della porzione più centrale della prostata, ovvero la parte che va incontro ad ipertrofia (ingrandimento) e che ostacola l’uscita delle urine. Questo intervento si esegue in anestesia spinale e senza incisioni chirurgiche. Permette una ripresa abbastanza rapida della vita normale. Unico limite a questo intervento sono le dimensioni della prostata che quando troppo voluminosa va asportata per via chirurgica. Recentemente è stata introdotto l'utilizzo della corrente bipolare che porta notevoli vantaggi.

Adenomectomia prostatica chirurgica Quando la prostata raggiunge dimensioni tali da non consentire un asportazione completa per via endoscopica si rende necessario intervenire per via chirurgica. Questo intervento si pratica con un incisione longitudinale sotto l’ombelico o trasversale al di sopra del pube. L’adenoma prostatico (parte centrale) può essere asportato per via trans-vescicale o per via retropubica. Si esegue in anestesia generale ed il ricovero e di circa 5 giorni.

Prostatectomia radicale

 L’intervento di prostatectomia radicale si esegue in caso di tumore della prostata localizzato. Questo intervento può essere fatto con diversi approcci chirurgici nonché in Laparoscopia e con il Robot.

Prostatectomia radicale retropubica

La via retropubica è l’approccio chirurgico alla prostatectomia più comunemente usato. Si esegue con un incisione longitudinale al di sotto dell’ombelico e consiste nell’asportazione della prostata e delle vescichette seminali. In casi indicati viene accompagnata dall’asportazione dei linfonodi circostanti per l’analisi microscopica.

Prostatectomia radicale transperineale

Questo intervento consente ugualmente l’asportazione di prostata e vescichette seminali ma attraverso un incisione eseguita nella zona tra l’ano o la borsa scrotale (perineo). Utilizziamo questa tecnica principalmente per i pazienti sottoposti a trapianto renale, in quanto consente di evitare accidentali danni al rene trapiantato (che si trova nell’addome inferiore nella zona di accesso della via retropubica). Garantisce risultati oncologici equivalenti. Purtroppo con tale metodica non è possibile eseguire una linfoadenectomia di stadiazione.

Prostatectomia radicale Laparoscopica

L’intervento di prostatectomia radicale puo essere eseguito per via laparoscopica, ovvero utilizzando degli strumenti appositi che permettono di operare senza eseguire un’ampia incisione chirurgica. Attraverso delle incisioni di 5 o 10 mm si inseriscono nell’addome una telecamera e gli strumenti chirurgici. Questo intervento è da considerarsi meno invasivo di quelli in chirurgia tradizionale. Consente un recupero lievemente più rapido rispetto alla chirurgia a cielo aperto.

Prostatectomia radicale con Robot "Da Vinci"®.

L’intervento in Laparoscopia può essere ulteriormente arricchito mediante l’utilizzo di un sistema robotizzato (Da Vinci ®) che consente di muovere gli strumenti e la telecamera all’interno dell’addome. Come per la laparoscopia non si esegue una vera e propria incisione chirurgica ma solo 6 piccole incisioni inferiori ad 1 cm. L’aiuto del Robot permette una maggior precisione nell’intervento. L'ingrandimento, la visione in tre dimesioni e la precisione dei movimenti permettono un'accurata identificazione e rispetto delle  fibre nervose deputate all’erezione e dello sfintere urinario necessario alla continenza. Questo tipo di intervento ha reso obsoleta la tecnica Laparoscopica tradizionale che nei centri dove è presente il sistema robotico non viene quasi più eseguita.

Troverete ulteriori informazioni nelle sezioni relative al:

Consenso informato all’intervento di Prostatectomia Radicale

Prostata; Endoscopia; Laparoscopia; Oncologia e tra le F.A.Q.

 

BIOPSIE PROSTATICHE STEREOTASSICHE ESEGUITE CON TECNICA FUSION

 

consente di eseguire biopsie mirate di aree sospette precedentemente individuate con esami radiologici quali Risonanza magnetica ed ecografia transrettale: tale tecnica viene eseguita in pochissimi centri specializzati in Italia tra cui il nostro che eccelle in tale metodica. 

 

 

Ultimo aggiornamento ( mercoledì 04 gennaio 2017 )
 
< Prec.   Pros. >